O Gorizia, tu sei maledetta

Nell’agosto 1916 Gorizia diventava italiana. Questa è la canzone che cantavano i militari (e i disertori) italiani

Autore: Canzone popolare                             

Anno  1916

La mattina del cinque di agosto/ si muovevano le truppe italiane/ per Gorizia, le terre lontane/ e dolente ognun si partì.
Sotto l’acqua che cadeva a rovescio/ grandinavano le palle nemiche;/ su quei monti, colline e gran valli/ si moriva dicendo così:
O Gorizia, tu sei maledetta/ per ogni cuore che sente coscienza;/ dolorosa ci fu la partenza/ e il ritorno per molti non fu
O vigliacchi che voi ve ne state/ con le mogli sui letti di lana,/ schernitori di noi carne umana,/ questa guerra ci insegna a punir.
Voi chiamate il campo d’onore/ questa terra di là dei confini;/ qui si muore gridando: assassini!/ maledetti sarete un dì.
Cara moglie, che tu non mi senti/ raccomando ai compagni vicini di tenermi da conto i bambini,/ che io muoio col suo nome nel cuor.
O Gorizia, tu sei maledetta/ per ogni cuore che sente coscienza;/ dolorosa ci fu la partenza/ e il ritorno per molti non fu

3 thoughts on “

  1. non credo ne sarebbe valsa la pena. oltre al fatto che sarei nato 60 anni dopo. potrei andare adesso a gorizia impugnando moschetto e baionetta e ammazzare chiunque mi sbarri la strada… ma anche no… tutto sommato o ancora di meglio da fare

Comments are closed.