Giornata del Rifugiato 2020 a Turriaco

La mostra di Hamid, che è recentemente arrivato a #Turriaco nel Centro di Accoglienza per richiedenti asilo politico. La inauguriamo virtualmente oggi in occasione della giornata internazionale del rifugiato

Gepostet von Comune di Turriaco am Samstag, 20. Juni 2020

 

Oggi la mostra del pittore Hamed Darek, ospite del centro di accoglienza di Turriaco, si chiude e verrà spostata presso…

Gepostet von Comune di Turriaco am Dienstag, 14. Juli 2020

Continue reading

Turriaco: dalle bombe ai diritti

da Granelli di Sabbia Pubblicazione gratuita distribuita in occasione della Giornata del Rifugiato 20 giugno 2019 a Turriaco

Granellidisabbia_Turriaco2019

Turriaco: dalle bombe ai diritti

Ora, a fine giugno 2019, l’esperienza del Centro di Accoglienza di Turriaco forse è alla sua fine. Quando scrivo queste righe ancora non lo sappiamo con certezza. Abbiamo trascorso due anni intensi, difficili, soprattutto all’inizio, mai scontati, in cui ogni giorno ci siamo reinventati per intercettare le esigenze di un territorio che da ostile si è fatto sempre più familiare e per rispondere ai bisogni e ai desideri dei ragazzi che in questo Centro hanno vissuto. Sono stati in molti ad attraversare la soglia della ex caserma di via 5giugno provenendo dai territori martoriati di Afghanistan e Pakistan. Non sappiamo ancora come andrà a finire questa storia e se finirà davvero. Il Centro di accoglienza vorremmo ospitasse ancora persone in fuga da guerre e miseria: non più richiedenti asilo ma rifugiati e titolari di protezione internazionale. In un momento in cui si smantella quella che è stata definita l’accoglienza diffusa (la prima forma di ospitalità organizzata in piccole unità abitative compatibili con le esigenze della cittadinanza e maggiormente tutelanti per le persone ospitate)questo appare l’unico sistema che possiamo mettere in atto per salvare la nostra esperienza che per quanto piccola ci pare molto significativa. In un contesto in cui si favoriscono i grandi centri di accoglienza che porteranno a maggiore insicurezza, marginalità, promiscuità, profitti per i gestori a fronte di minori diritti per gli ospiti delle strutture e garanzie per i territori coinvolti, noi abbiamo costruito insieme ai richiedenti asilo ed alla comunità in cui ci siamo trovati ad operare e vivere un’esperienza di resistenza umana. Siamo passati dalle bombe alla quotidianità. Continue reading

La chiusura della galleria Bombi

La galleria Bombi di Gorizia come rifugio per un centinaio di migranti, ha le ore contate. Il sindaco Ziberna, Forza Italia, ha deciso in concerto con il nuovo prefetto, Massimo Marchesiello, insediatosi a inizio settimana, che oggi, venerdì 24 novembre, verranno messe delle grate di ferro alle entrate della galleria. Medici Senza Frontiere sta cercando di capire dove poter allestire un capannone, perché sono certi che le persone continueranno ad arrivare. In tanti si sono già mossi da qui, da quando la notizia della chiusura ha cominciato a diffondersi.

GLI ARGONAUTI DI OGGI

da Sconfinamenti 31. Refugees – novembre 2017, p. 81

Secondo una leggenda gli Argonauti – gli eroici personaggi ricordati anche da Omero che si avventurarono ai confini dell’allora mondo conosciuto alla ricerca del mitico vello d’oro – fecero tappa alle foci del fiume Timavo. Il fiume – che si inabissa in Slovenia e ricompare a pochi chilometri da Monfalcone sfociando subito nel golfo di Panzano – è fonte di molte suggestioni. Quello che è il più breve fiume d’Italia infatti vede sulle sponde della sua foce la chiesa di San Giovanni in Tuba che contiene le sue acque utilizzate come fonte battesimale. Si dice che è da qui che il giorno dell’Apocalisse suonerà una delle sette trombe che annunciano la fine del mondo. Non distante da qui si trovano scheletri di dinosauri, ma anche un Mitreo: grotta in cui gli antichi veneravano il dio persiano Mitra. Secoli dopo qui vicino riparavano i terribili pirati Uscocchi. Questo solo per citare alcune storie. La Bisiacaria, terra storicamente attraversata da numerose correnti migratorie, è di nuovo percorsa da genti diverse, novelli argonauti, in cerca di pace e lavoro; beni più preziosi di qualsiasi vello d’oro. Non solo Monfalcone è al centro di questo fenomeno. Ultimamente il tema è di stretta attualità a Turriaco, piccolo comune nel cuore del territorio bisiaco retto da una giunta guidata dal giovane sindaco Enrico Bullian. Continue reading

La frontiera di Gorizia 2017

da Konrad di novembre 2017

“Gorizia tu sei maledetta per ogni cuore che sente coscienza”

(da un canto antimilitarista della Prima guerra mondiale)

007 Meneghesso_Gorizia_1

Giovedì 21 settembre. E il tempo non è dei migliori. A questo si aggiunge che sto lavorando e sono dovuto venire fino a Gorizia. È mattina e piove come quasi ogni giorno in questo settembre da lupi, e l’autunno arriverà appena dopo domani. Continue reading