CANI E GATTI

Negli scorsi giorni causa il maltempo e la disperazione da asili chiusi come spesso in questi casi per far sfogare le bimbe e uscire dall’universo concentrazionario familiare andiamo in biblioteca (non prima di aver fatto un salto in privata of course…).
Prima di far scendere le bimbe dall’auto, quando arriviamo davanti alla biblioteca, vado a sincerarmi non fosse chiusa visto il periodo festivo.
Legato alla ringhiera antistante c’è un cane credo bastardo anzi sicuramente bastardo e anche meticcio ma simile a un bracco tipo un Pluto o Pippo in carne, bava e ossa. Appena mi avvicino lo stronzo inizia ad abbaiarmi contro e a ringhiare: “cazzo vuoi tanto sei legato… ti venisse a te e al tuo padrone…” penso con disappunto.
In ogni caso la biblioteca è aperta e le bimbe hanno necessità dell’ora d’aria (e io con loro) allora le faccio scendere dall’auto per entrare. Appena ci avviciniamo il bracco subito ricomincia ad abbaiare fino a sbavare come una bestia rabbiosa. Mira lo cogliona facendogli il verso ma man mano ci avviciniamo le passa la voglia di deriderlo (e le faccio notare che meglio non scherzare troppo con le bestie o meglio con certe bestie…. e il discorso vale anche e soprattutto per bestie a due zampe e senza piume…). Il cane si mette tra noi e la porta della biblioteca ma le mie solide scarpe antinfortunistiche gli suggeriscono di non avvicinarsi troppo ed entriamo. Appena dentro chiedo ad alta voce e con tono esacerbato di chi fosse il cane legato fuori dalla porta. Una vecchia – squallido avanzo del ’68 a giudicare dallo stile – credendosi simpatica chiede: “Perché ve gà magnà?” io la guardo dopo di che guardo le mie bimbe come a fargliele notare. Non ho ritenuto opportuno aggiungere altro e per fortuna un’altra utente della biblioteca lo ha fatto al posto mio. Il nervoso e le cattive vibrazioni le accumulo più dopo questa risposta che per il grugno del cagnaccio.
La padrona del bracco-bastardo come soluzione lo va a prendere e lo porta all’interno della biblioteca…
Sinceramente io non ho mai avuto una grande simpatia per i cani  (e ne ho sempre meno per i PADRONI di cani…). Io credo sia un po’ una cazzata l’aforisma attribuito a Rosseau sugli amanti di cani e gatti – anche se non nego che un po’ in certi periodi mi sia piaciuto – secondo cui: “Gli artisti, i ribelli e gli introversi preferiscono i gatti; i soldati, gli estroversi e gli autoritari preferiscono i cani”.
Quel giorno ho preso a prestito totalmente a caso un libro “dei” Freak Brothers e questa è – credo simbolicamente – la prima striscia di vignette…
 

a proposito di gatti: dopo 20 anni (circa) il gatto Rufius è passato dalla parte dei più: gli mando un saluto e una carezza sul suo morbido pelo rossiccio…


PS sono riuscito a riferire questo episodio che mi fa tuttora tremendamente incazzare senza neanche una bestemmia e con un uso contenuto del turpiloquio… non mi riconosco più…