Sarajevo: al Centro informazioni sulla Corte penale internazionale per l’ex Jugoslavia

I partecipanti al progetto EUFREE in visita al Centro informazioni sulla Corte penale internazionale per l’ex Jugoslavia presso il municipio di Sarajevo

Da Notizie del Centro d’informazione sulla Corte penale internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) Sarajevo

Nell'ambito del progetto Europeo "EUFREE - Cittadini europei uniti nella libertà e nei diritti umani" organizzata in collaborazione con Adriatic GreeNet-onlus con sede a Monfalcone (Italia), insieme ad una rete internazionale di organizzazioni non governative tra cui ANPI Monfalcone" (Italia), "Kinoatelje" Nova Gorica (Slovenia), Assessorato alla Cultura, Università di Filosofia Rijeka, l'Associazione studentesca "Cultural Initiative" di Rijeka (Croazia), l'Associazione "Education Builds Bosnia and Herzegovina - Jovan Divjak" (Bosnia) e Donne in nero, Belgrado (Serbia) hanno organizzato una visita di studio all'ICTY Information Center Sarajevo e City Hall, che ha presentato il mandato e la portata del Centro informazioni e l'eredità del Tribunale dell'Aia attraverso la componente espositiva del Centro, nonché una mostra di fotografie di Paul Lowe intitolata Siege / Siege, che è stata riorganizzata a Sarajevo Municipio per il grande interesse dei cittadini.

La visita si è conclusa con una visita alla biblioteca del Centro, la cui collezione libraria è stata arricchita da un libro di diari di guerra di Jovan Divjak intitolato ‘Ne pucaj’ koja se sastoji iz tri dijela – ‘Ratni dnevnici ‘92’,‘Ratni dnevnici’ ‘93 i ‘Fragmenti’ i koju je Udruženje gradi BIH poklonilo biblioteci Centra kao i budućim mladim generacijama. [attualmente il libro è solo in lingua originale, la traduzione è: 'Non sparare', e si compone di tre parti: 'Diari di guerra '92', 'Diari di guerra' 93 e 'Frammenti'] donato alla biblioteca dall'Associazione Jovan Divjak.

Ronchi dei Partigiani (o dei Legionari?) Storia di un nome

Su A rivista anarchica
anno 50 n. 445 – estate 2020

Il volume Ronchi dei partigiani, toponomastica, odonomastica e onomastica a Ronchi e nella “Venezia Giulia” (edizioni Kappa Vu, Udine 2019, pp. 224, € 14,00) è un’acuta e utilissima provocazione. Il sottotitolo dice che il libro raccoglie gli atti di un convegno svolto nel 2014 a Selz di Ronchi dal titolo “Di cos’è il nome un nome”.
Ecco, la provocazione risiede proprio in questo, nel fatto cioè di sottoporre a critica quello che per i più è naturale e ovvio: i nomi delle strade che percorriamo, dei luoghi dove viviamo, dei monti e dei fiumi, testimoni perenni della nostra esistenza. Se una cosa davamo per scontata era che si chiamassero come avevamo imparato a conoscerli da bambini.
Ricordo che per me scoprire che Poggio Terza Armata non era il vero e unico nome del paesino davanti al quale passavo tutti i giorni e che in realtà il suo nome era, nel migliore dei casi, l’italianizzato Sdraussina o in realtà lo sloveno Zdravščine è stato per me una rivelazione deflagrante, come quando si viene a sapere del tradimento di una persona cara e si intuisce la lunga serie di bugie che lo hanno preceduto.
L’italianizzazione forzata dei nomi fatta dai fascisti ha segnato per sempre la cultura del territorio, il modo di vedere le cose, il senso comune. Non parliamo infatti di un’evoluzione naturale, di un accumularsi di culture stratificate, ma di un reciso colpo di spada, di un atto violento di snazionalizzazione che è entrato come un veleno nel senso comune delle successive generazioni. Continue reading

Esce il libro Ronchi dei partigiani

E ora è il momento del libro. Come promesso, nel centenario della marcia fiumana, esce il libro su “Ronchi dei Partigiani”, edito da Kappa Vu edizioni. Un testo di 224 pagine che contiene gli interventi di Luca Meneghesso (che è anche il curatore del libro), di Marco Barone, Maurizio Puntin, di Wu Ming 1, di Piero Purich, di Boris Pahor, di Alessandra Kersevan, Silvano Bacicchi, Miro Tasso e Claudio Cossu. Continue reading

Gorizia: «Follie di guerra» nel centenario della sconfitta di Caporetto

Nelle giornate in cui ricorre il centenario della «battaglia di Caporetto» affidiamo la memoria di quel terribile conflitto a uno studio storico che mette al centro le conseguenze degli eventi bellici sui soldati impegnati al fronte.

Giovedì 26 ottobre dalle ore 17:45 al Centro Di Salute Mentale – CSM Gorizia

Il libro di Ilaria La Fata «Follie di Guerra. Medici e soldati in un manicomio lontano dal fronte (1915-1918)», pubblicato da Unicopli nel 2014, affronta il tema dei soldati che tra il 1915 e il 1918 furono internati in manicomio per i traumi prodotti dall’esperienza di un conflitto che, per dimensioni e forme, sottopose milioni di uomini e le popolazioni civili a una violenza nuova e inaudita.

 

Il mio intervento:

– Introduzione al libro – Gorizia ieri e oggi, disertori e profughi – Gibelli e la diserzione: “Scemi di Guerra” – La guerra di trincea

L’audio integrale della serata sul sito di Radio Fragola

Continue reading