NO ALL'AUTOPRODUZIONE SÍ AL NARCOTRAFFICO

In conformità con la politica del governo neo-eletto in materia oggi una sentenza della corte di cassazione ha sentenziato – in disaccordo con una precedente delibera – che l’autoproduzione di cannabis è reato :
questo porterà quindi i consumatori ad approvigionarsi sempre più dal canale principale d’offerta: il mercato nero in mano alla mafia….
 

Del resto come stupirsi… tra i governanti ("quanti perfetti e inutili buffoni" diceva quello…) ora oltre al senatore a vita prescritto per mafia Giulio A.  si è aggiunto sempre al senato Salvatore C. condannato anche lui per malefatte simili, mentre un uomo vicino al neo-premier tale Marcello D. già condannato anche lui per reati mafiosi  in campagna elettorale dopo aver denigrato la resistenza ha fatto un’esaltazione dell’omertà mafiosa peraltro condivisa dal nano di Arcore … solo per citare i più famosi… alla faccia di Beppe Grillo tra un po’ in parlamento o perlomeno in senato si potrà entrare solo se si avrà fatto un giuramento mafioso con tanto di santino insanguinato abbruciato…difenderne gli interessi pare il minimo… per quanto nel caso specifico sono stati i giudici e non i senatori a provvedere… (le lettere puntatate sono contrazioni di insulti ritengo…)
 
Nel frattempo al confine con la Francia c’è stato un sequestro di 15 kg di skunk… sul Tg2 hanno detto che "è una manipolazione genetica della cannabis con effetti simili al LSD"… seeeeeeeee magari… e la chiamano informazione… solo allarmismo richiamando sostanze più rischiose ma che poco hanno a che vedere una con l’altra se non che sono le due droghe (a differenza della cocaina e degli altri eccitanti) i cui effetti meno si confanno ad un sistema altamente competitivo come quello capitalistico “avanzato” in cui viviamo…

Altra notizia che oggi mi ha lasciato allibito: in un paesino della Puglia garganica è stata riesumata la carogna di un uomo – che all’epoca veniva ritenuto un cialtrone e ora viene reputato un santo – morto QUARANTA anni fa… per evitare di disgustare gli osservatori impudichi, necrofili e perversi ed in conformità con l’ideologia – che loro chiamano religione – di cui sono succubi e che li pervade ai resti è stata imposta sul grugno una maschera di silicone (praticamente un goldone il che potrebbe indicarci il genere di testa di cui si tratta)… la cosa sconcertante è che i fedeli come li chiamano da queste parti (altrove sarebbero semplicemente e sprezzantemente definiti fanatici) erano tantissimi pare diverse migliaia… SCONCERTANTE…

20 thoughts on “NO ALL'AUTOPRODUZIONE SÍ AL NARCOTRAFFICO

  1. io sono un’invenzione delle multinazionali dei vini in cartoccio creato per far credere che ci sia qualcuno che consuma sul serio quegli agglomerati pseudovinosi.

  2. gottino

    terre si ghiaia

    e chi piu ne ha piu ne metta

    ewwiwa l’idolatria

    ewwiwa il politeismo

    ewwiwa la superstizione

    ewwiwa padre pio

    dio pio come direbbe buttignol

  3. shit-shake è la mia bevanda preferita… comunque dio pio lo diceva garofolo almeno credo

  4. te ga rason

    ero confusionato

    comi ha il fucile caldo e l’ano accogliente

  5. la risposta era la diarrea molesta..mi pare sin troppo facile come indopvinello….cos’hanno in comune ceghe , gargamella e indiana jones?

Comments are closed.