Da lis monts insìn al mâr: la spendida vista dal monte Cuâr

Seconda escursione in due giorni dopo mesi di chiusura dovuti al lock down da Corona virus: destinazione prealpi carniche. Dopo aver percorso la pianura friulana e i colli morenici, oltrepassato il mitico ponte di Braulins, una volta entrati ad Avasinis si svolta subito a sinistra per salire verso l’imboccatura del sentiero per la vetta del monte Cuâr.

L’attacco del sentiero non è agevole da trovare nonostante le indicazioni trovate sul libro “Sentieri Natura”. Diversi cartelli e le molte auto e gitanti che affollano l’altopiano confondono. Dopo alcuni tentativi andati a vuoto, proseguito fino a dove il bosco si apre troviamo il sentiero (815) da cui nel libro è prevista la discesa facendo il percorso al contrario (la salita era prevista dal 816). Per trovare l’attacco bisogna salire fino ad una sella – il Cuel di Forchia – e a breve distanza si trovano i segnali del CAI ad indicare il numero dei sentieri ma di questo ce ne saremmo accorti solo alla fine… Dall’attacco del sentiero circa 1 ora abbondante di camminata godibile e con alcuni strappi in salita sale fino alla malga di monte Cuâr non ancora attiva per l’emergenza sanitaria in atto.

Lo spettacolo è stupefacente:

Continue reading