VELTRONI HA VINTO LE ELEZIONI



Si dice che sia stato il centrodestra a vincere le elezioni e dal punto di vista strettamente istituzionale sembra vero – a giudicare più dai guadagni in borsa di Mediaset e Impregilo che dal numero delle schede… – però da un punto di vista politico la cosa non so se è proprio così o solo così…

Veltroni infatti dopo aver creato quel mostro che è il PD (che sono le lettere iniziali della mia interiezione preferita anagramma di Codroipo) che ha i difetti della vecchia DC e del vecchio PSI e dopo aver fatto crollare il governo Prodi usando l’utile idiota Mastella ha deciso di correre da solo come Forrest Gump facendo estinguere l’estrema sinistra parlamentare (l’ultima volta che i socialisti e comunisti non erano presenti in Parlamento li si trovava sull’Aventino prima e sui monti a guerreggiar dopo ora dove li troveremo? Ora poi in tutto l’arco parlamentare non c’è un solo partito laico… se si esclude il relitto del partito radicale le cui liste peraltro sono state epurate dal veltro Veltroni).
Il fatto poi che Veltroni sia stato il primo a riconoscere la vittoria della destra (forse addirittura prima di Berlusconi & C.) la dice lunga… l’unico appunto che ha fatto è che il prossimo governo sarà sotto il ricatto della Lega. Alla base di questo appunto però è evidente che non c’è nessuna distanza politica o indignazione etica per le posizioni xenofobe o secessioniste del partito della salma Bossi ma una semplice contrarietà alla politica economica della Lega con le sue idee protezioniste ed avverse alle idee di un capitalismo maturo (o marcescente?) come lo pensano Veltroni e i suoi mandanti.

E ora? Confindustria (cui esponenti ora sederanno alla Camera con le maglie del partito democratico mettendo già in piedi intrallazzi con la Lega), banche, mafia, Stati Uniti e Vaticano esultano.

E gli altri? In-Fausto – o Nefa(u)sto – Bertinottentotti si trova nella posizione grottesca e assurda di essere il primo ex-presidente della camera che appartiene ad un gruppo della sinistra extraparlamentare oltre ad aver per anni cercato di creare una realtà politica totalmente contraddittoria come “la sinistra di lotta e di governo” scesa in piazza anche contro i provvedimenti che poi il suo gruppo parlamentare di appartenenza votava. Chi con questa sconfitta storica sputtana anni di ammiccamenti e leccate di culo (in particolare ai Verdi) è anche il movimento dei “disubbidienti” (che una volta molto più dignitosamente si faceva chiamare Autonomia Operaia) che dopo aver boicottato manifestazioni, vessato chi li contrastava e aver avuto numerosi candidati ed eletti nelle liste del centro(sinistra) oltre che sul loro libro paga ora si trova a piedi e dovrà tornare sui suoi passi e tornare in piazza mi sa (ma intanto il loro capo Casarini pubblica libri editi dal Berluska…).
Polsi fermi poche seghe intanto ha detto il sardegnolo arcobalengo Oliver Hardy Dilbert richiamando la vocazione dell’estrema sinistra italiana a ricondurre le proteste all’interno di una logica parlamentare… ma stavolta mi sa non funzionerà…

A FUOCO LE CITTÁ!?

8 thoughts on “VELTRONI HA VINTO LE ELEZIONI

  1. in biziakistan ci sono campi d’addestramento di mira: invadiamolo!!

  2. Sono un mandante di Veltroni. Sono colpevole di essere figlio di operai-sindacalisti CISLini- e di militare per un partito che collabora con la Confindustria. Per il resto l’analisi è sostanzialmente corretta.

    Bel blog, sinceri complimenti.

Comments are closed.