VIRUS LETAME

Finalmente convalescente dopo tre intensi giorni di influenza intestinale.  Oggi prima uscita per andare in farmacia e ho subito rischiato la vita o per lo meno i connotati. Tornando dalla farmacia spingendo Mira in passeggino vedo un tipo pieno di tatuaggi e vestito come un balordo – jeans sgualciti maglietta sbottonata – che assieme al padre – un vecchio delle dimensioni di una palla da basket per il resto identico al balordo – e alle due figlie di 3 e 5 anni circa occupano tutto il marciapiede impedendomi il passaggio. Poco prima che loro si spostino e io inizi a biascicare i soliti insulti nei confronti delle persone moleste che incontro per strada  (ma penso si possa togliere "moleste" e forse anche "per strada") mi accorgo che il balordo in questione è Stefano Zoff già campione europeo e mondiale di pugilato pesi leggeri [da "mi accorgo" in poi è da leggere con il tono di Fantozzi]. Va beh che è un soldo di cacio ma credo che mi avrebbe fatto nero se lo avessi insultato… certo che non pensavo di trovarlo a 50 metri da casa mia comunque… per quanto gli faccia onore il fatto che nonostante sia qualcuno – come si dice – sia rimasto a Monfalcone (per quanto suo padre avesse l’auto targata TS). Elisa per esempio è andata a vivere a Brancolo fraz. di Fiumicello ma lei è chic solo che il posto è un po’ meno chic… bah si vede proprio che tanti soldi danno alla testa… beh non corro questo rischio: uno per i soldi due perchè uso altre cose che danno alla testa tre ma io ho la testa? una almeno… boh

Ma torniamo a noi: Lunedì notte Mira ha vomitato dalle 23 circa fino alle 7 di mattina ogni mezz’ora circa senza pause finché si è appisolta per poi svegliarsi con una scarica di diarrea degna di un idrante che ha reso vano ogni nostro tentativo con l’utilizzo di un bastimento di asciugamani di preservare il nostro letto (ovviamente non l’abbiamo lasciata nel lettino) immacolato  dal copioso materiale organico che fluiva ovunque: a fregarci è stata la fonte: mentre noi temevamo un getto di piastro lei ci ha spiazzato con un getto diarroico…  La giornata di martedì l’ho passata a pulire la catasta di asciugamani sporchi di piastro che si erano accumulati nel corso della notte – oltre alle lenzuola sporche di merda – per poi andare sul lavoro ad accapigliarmi con colleghi per un’equa (!?) spartizione dei periodi di ferie… Dopo una serata passata a preparare il 730 (tanto per rimanere in attività spassose) a nanna. Mira ha resistito alla nottata per quanto si è svegliata di nuovo piastrante e diarreante però a quel punto anche noi non stavamo mica tanto bene… Frà ha vomitato circa 15 volte nel corso della giornata e io sono stato preso da scariche di diarrea che uscivano dal mio ano a pressione elevatissima scrostando anche il water da ogni segno di merda che c’era precedentemente, come una forma di gelosia della diarrea verso i vecchi stronzi…. sarà il nuovo che avanza anche perchè chi se lo piglia: ci credo che avanza…

Va beh… poi Mira è stata dai nonni per un giorno e una notte in quarantena (infettando anche loro che infatti oggi hanno passato la loro giornata chi seduto chi abbracciato a quella tazza in ceramica che più o meno tutti abbiamo nella stanza da bagno e a cui spesso – ma non sempre come si vede – sono legati i momenti più felici della giornata di ognuno o per lo meno i miei) poi all’ospedale per una visita poi dal pediatra però pare che i suoi tempi di recupero saranno più lenti ma nulla di preoccupante ci dicono…  Frà anche lei in lenta ripresa ma pare che comunque abbia superato il peggio vedremo…

Io grazie al magico dissenten ho messo un tappo al culo e l’imbarazzo della sciolta è solo uno sbiadito ricordo sulle mie mutande… sperando di essere in forma per la "Fieste da Viarte" in programma domenica a Cormons… vedremo…

5 thoughts on “VIRUS LETAME

Comments are closed.